#IF2013: Nasce il coordinamento toscano degli “Stati Generali dell’Innovazione”

Beltrame: “Vogliamo costruire una Toscana nuova: ci impegniamo affinché cittadini, associazioni e imprese portino il proprio contributo all’Agenda Digitale”

PISA – Nasce il coordinamento toscano dell’associazione nazionale “Stati Generali dell’Innovazione”. A presentare l’iniziativa, presso la sede della Provincia di Pisa, in pieno svolgimento dell’Internet Festival 2013, sono stati Flavia Marzano, presidente dell’associazione, Alessio Beltrame, referente del coordinamento toscano, e Nicola Landucci, assessore provinciale con delega all’innovazione.

L’associazione nazionale “Stati Generali dell’Innovazione” è nata su iniziativa di cittadini, associazioni ed imprese con lo scopo di promuovere l’innovazione come elemento strategico per lo sviluppo del Paese.

Il coordinamento toscano degli “Stati Generali dell’Innovazione” vuol contribuire ad animare il dibattito intorno al tema dell’innovazione nella nostra regione, perché l’innovazione non è riconducibile a una semplice questione di progresso tecnologico, ma si tratta prima di tutto di una vera e propria una sfida culturale che deve raggiungere e trasformare ogni livello della società.

L’associazione nasce con l’obiettivo di coinvolgere più soggetti possibile e dialogare con cittadini, associazioni ed imprese che operano o si interessano al tema dell’innovazione in Toscana. Tutto questo per creare uno spazio di discussione e condivisione che porti un contributo qualificante nella definizione dell’Agenda Digitale toscana.

L’innovazione è oggi l’obiettivo che i territori devono cogliere per costruire una prospettiva di sviluppo sostenibile, per creare condizioni di crescita, benessere, giustizia sociale, per costruire opportunità per i giovani.

Il superamento della crisi globale, è un dato di fatto, vede protagonisti, in tutto il mondo, quei territori e quei paesi che più di altri investono nell’innovazione e nella rete come infrastruttura strategica del nostro tempo e riteniamo che la Toscana debba essere protagonista di questa sfida.

Condividi

Categorie

Editoriale